stperegrin.org
Accueil Trajets Objets de piété Intentions de prière Pèlerinages English Italiano


Italiano

English San Pellegrino Laziosi nacque a Forli nel 1265. Di carattere bellicoso, appena giovane, dopo aver partecipato alla ribellione contro lo Stato Pontificio guidando un drapello di giovani rivoluzionari, fu colpito dalla garzia di Dio che lo converti a vita nuova divenendo, nella sua città natale, religioso della Congregazione dei Servi di Maria dopo aver incontrato il generale di essa P. Filippo Benezi, divenuto poi santo, mandato a Forlì da Papa Martino IV come suo ambasciatore di pace.

Una volta convertito al Signore, Pellegrino si diede totalmente a Lui per la via della preghiera, della contemplazione e della penitenza. Rigettando la sua passata gioventù spesa nell'odio e nella violenza si dedicò alla predicazione per invitare alla riconciliazione e alla pace.

All' età di 60 anni il Signore lo prova con una malattia alla gamba causata dalle penitenze e dalla grande fatica a cui sottopone costantemente il suo organismo. La piaga è tanto grande e cancrenosa che sempre di più. I dolori sono lancinanti e continui. Pellegrino supplica il Signore di guairlo perché ha nel cuore il desiderio di dedicarsi alla conversione dei peccatori con la predicazione per ancora molti anni. Egli chiede di continuare ad avere il dolore pur di avere la grazia della liberazione dal male. Una notte il Signore gli apparve nel sonno che lo aveva preso mentre, stanco, era in preghiera nel coro della chiesa davanti ad un crocifisso raffigurato in una parete. Ad un certo punto le mani del crocifisso si staccarono dalla croce e toccarano amorevolmente la piaga del malato. Subito il dolore scomparve a contatto con la mano divina. Pellegrino si sentì improvvisamente guarito, si alzò senza sentire più il dolore e si mosse senza bastone.


Da quel momento Pellegrino è costantemente visitato da malati colpiti da ogni sorta di malattia, considerato ormai un santo. A tutti offre conforto, molti sono guariti, specialmente quelli colpiti da piaghe. La sua vita si protrae fino a ottanta anni resa prodigiosa dalla potenza di Dio che compie meraviglie a beneficio dei suoi fedeli sottoposti alla prova. Dal momento della sua morte, avvenuta il 1mo maggio 1345, Forlì iniziò immediatamente a rendere culto a questo grande servitore di Dio e dei fratelli. La chiesa in cui venne seppellito Fra Pellegrino Laziosi divenne il suo santuario ove egli veniva invocato Taumaturgo da nutti coloro che erano afflitti da ogni genere di male, specialmente dai colpiti da cancro.

Il 27 dicembre del 1726 Papa Benedetto XIII canonizzò Fra Pellegrino riconoscendo le sue eroiche virtù e ufficializzando, così, il culto che già da tre secoli i devoti esercitavano verso il loro grande protettore.


Dall'11 ottobre 1987, come è stato sopra detto, anche Montreal ha il suo santuario dedicato a San Pellegrino nella grande chiesa di Sant'Eusebio da Vercelli. Moltissimo sono i pellegrini che durante l'anno e, specialmente, nel periodo della primavera che precede la sua festa accorrono a venerarlo. Innumerevoli sono le grazie il Santo ottiene dal Signore a beneficio dei suoi fedeli che, nella fede, implorano il suo aiuto.


+ + + + P R E G H I E R A + + +


Signore Gesù, tu ci hai donato San Pellegrino come nostro fratello sempre pronto a soccorrerci. Ti supplichiamo di concederci, come lo concedesti a lui, la grazia di essere veri adoratori del tuo Santissimo Sacramento, di nutrirci della tua Parola di vita, di ricevere sempre con fervore i sacramenti della Riconciliazione e della Eucaristia, di vivere in amorevole ed umile servizio del nostro prossimo, specialmente dei malati e degli anziani.

O Maria, tu che sei Madre buona e benigna, donaci il tuo Figlio e, per intercessione di San Pellegrino, conducici a Lui. Amen


RD Source http://www.stperegrin.org/rd/italiano_5.html

© 2017 Sanctuaire Saint Pérégrin Tous droits réservés | Réalisation
Version pour
imprimante  Imprimer
Commentaires
Recommander
Menu